TEDESCO IN RETE - home tedesco in rete
indiceche cos'ècome si usainiziamoaiutochi siamomailmappa del sito

che cos'è

Il tedesco in rete è una nuova grammatica tedesca per italofoni.

La prima domanda che sorge spontanea è sicuramente a che cosa può servire un'altra grammatica tedesca, considerando il fatto che in commercio sono numerosi e interessanti i testi didattici su questo argomento.

Il tedesco in rete è una grammatica innovativa e particolare, nata dall'esigenza di fornire uno strumento nuovo e funzionale a tutti coloro che vogliono studiare e approfondire le proprie conoscenze sulla struttura di questa lingua.

Il filo conduttore di tedesco in rete si basa sulle più recenti scoperte in ambito linguistico e si sviluppa secondo la linea del continuo confronto con la lingua madre dei discenti, ossia con l'italiano.

Questa grammatica vuole stimolare lo studente ad una continua riflessione e ricerca sulle forme linguistiche che maggiormente contraddistinguono la morfosintassi delle due lingue.

Attraverso la creazione di un ipertesto l'obiettivo è proprio quello di mostrare e rendere il più possibile trasparente il funzionamento che sta alla base della lingua tedesca, la quale, a differenza di tutte le altre lingue europee, presenta dei peculiari fenomeni linguistici.

Chi si accinge, infatti, a studiare il tedesco ha sentito o letto da qualche parte che il tedesco è una lingua difficile, che dovrà imparare varie declinazioni per l'aggettivo, che dovrà mettere il verbo sempre alla fine della frase, che in presenza di certe parole dovrà fare l'inversione del soggetto…. e così via.
In realtà il tedesco non è difficile, è solo diverso da tutte le altre lingue: diventa difficile se non si riesce a vedere e a capire in che cosa consiste questa diversità, la quale è legata proprio alla struttura di base della lingua.

Il tedesco in rete non è dunque un manuale che insegna a parlare o a scrivere in tedesco in breve tempo: questa grammatica insegna piuttosto come fare per impadronirsi della struttura di questa lingua.

A tal proposito abbiamo costruito una mappa per navigare nella struttura della lingua tedesca.

Racchiusa in questa mappa, che mostra l'ordine sintattico del tedesco, c'è tutta la grammatica tedesca.

Dopo un iniziale smarrimento di fronte ad una così poco tradizionale impostazione degli argomenti grammaticali, si scoprirà che ogni elemento della frase (= soggetto, verbo, complementi…) occupa uno spazio ben preciso nella mappa, e che all'interno di ogni elemento si nasconde una spiegazione sistematica e dettagliata di tutti i fenomeni morfologici e sintattici che lo contraddistinguono.

Questa grammatica vuole evitare che le descrizioni grammaticali si presentino frammentarie o troppo schematiche, spesso causa nello studente di un senso di disorientamento e di poca coerenza.
Corre voce che il tedesco sia una lingua fatta di regole complicatissime e di mille eccezioni. In realtà il tedesco è strutturato, come tutte le lingue, secondo principi semplici e perfettamente coerenti — solo che il loro ordine fondamentale, appunto, si differenzia dall'italiano.

Di conseguenza, il filo conduttore di tedesco in rete è proprio l'ordine sintattico fondamentale del tedesco.
Sullo sfondo della mappa vengono evidenziati i tre elementi sintattici che sono alla base della frase, S (= soggetto), O (= oggetto), V (= verbo), ed è all'interno dell'ordine sintattico che sono collocati i vari capitoli che compongono la grammatica.

Questa impostazione, certo insolita, ha il vantaggio di mettere subito in evidenza qual è la sostanziale differenza tra l'italiano e il tedesco:
l'italiano segue l'ordine SVO (= soggetto, verbo, oggetto), come quasi tutte le lingue europee, il tedesco invece è strutturato secondo l'ordine SOV(= soggetto, oggetto, verbo). Il verbo in tedesco segue dunque i complementi, mentre in italiano li precede.
Questo spostamento è la causa di molti degli strani fenomeni linguistici che caratterizzano e rendono questa lingua diversa da tutte le altre.

Per la particolare impostazione e per il modo in cui vengono fornite le varie spiegazioni, è consigliabile a chi utilizza Il tedesco in rete seguire per le prime volte il percorso indicato dalla posizione verticale dei vari argomenti.
Si inizia dunque con Start, per poi passare al sintagma nominale, all'articolo, all'aggettivo …e così via.
Nel primo capitolo (= Start) sono presentati gli aspetti fondamentali della sintassi tedesca che forniscono la chiave per la comprensione di tutti gli altri capitoli.

All'interno della grammatica non manca tuttavia la possibilità di saltare da un argomento all'altro, né tanto meno quella di poter cercare un singolo argomento dall'indice analitico (= Indice).
Chi ha già una buona familiarità con il tedesco, è libero di crearsi i propri percorsi seguendo la necessità o la curiosità del momento.

In tutti i casi consigliamo di orientarsi prima nel sito per rendere più agile la navigazione. Le poche istruzioni necessarie si trovano qui: come si usa.

Auguriamo a tutti buon viaggio con il tedesco in rete.

E adesso, iniziamo

| home | indice | che cos'è | come si usa | iniziamo | aiuto | chi siamo | |
| mail | | mappa del sito | privacy |
© 2002 Università Ca'Foscari di Venezia - all rights reserved