Approvato, senza modificazioni, nella seduta del 20 marzo 1997

Il giorno 28 febbraio 1997 alle ore 10.40 presso la sede dell'ex Ospedale Giustinian, in aula Consiglio, si è riunito, a seguito di regolare convocazione, il Consiglio degli Studenti, per discutere il seguente ordine del giorno:

  1. Elezioni del Presidente e del Vicepresidente
  2. Approvazione dei verbali del 10 gennaio e del 30 gennaio 1997
  3. Commissione Diritto allo Studio: Regolamento Autocertificazioni
  4. Regolamento Difensore Studenti
  5. Regolamento Didattico di Ateneo
  6. Comitato per le Pari Opportunità
  7. Elezioni Rappresentanze Studentesche
  8. Varie ed eventuali

Sono presenti:

  1. SIG.RA SILVIA ACCORONI
  2. SIG.RA ILARIA BUSETTO
  3. SIG. NICOLA CALLEGARO
  4. SIG.RA SILVIA IOMMI
  5. SIG. LUCA RIGATO
  6. SIG. GIANLUCA SAONER
  7. SIG.RA SAMANTA TELLERI

Assenti giustificati:

  1. SIG. LODOVICO BACCIOLO
  2. SIG.RA LAURA DE MARCO
  3. SIG.RA LAURA EMANUELLI
  4. SIG.RA FLORIANA ROSSO
  5. SIG.RA GIOIA TORCELLAN

Assenti ingiustificati:

  1. SIG. SIMONE ALEGI
  2. SIG. ERNESTO CELLIE
  3. SIG. ANTONIO GASPARIN
  4. SIG. NICOLA PANCERA
  5. SIG. MATTEO FILIPPO SCAPIN

Il Decano, Nicola Callegaro, constatata la presenza del numero legale, dà inizio alla riunione. Assume le funzioni di segretario il consigliere Luca Rigato, che è assistito per la verbalizzazione dal dott. Antonio Bruno, dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico.

1) Elezioni del Presidente e del Vicepresidente

Il Decano, constatata l'assenza del numero legale necessario, secondo quanto stabilito dall'art. IV, c. a) del regolamento interno del Consiglio, rinvia l'elezione del presidente a successiva seduta.

Il Consiglio indica il consigliere Nicola Callegaro quale Presidente pro tempore.

2) Approvazione dei verbali del 10 gennaio e del 30 gennaio 1997

Il verbale del 10 gennaio viene approvato con le seguenti modificazioni:

Al punto 1) Comunicazioni del Presidente:

- sostituire "per gli studenti figli di dipendenti dell'Università" con "per i dipendenti dell'Università";

- sostituire "Per questo disguido, tale lettera è stata letta anche da personale dipendente dell'Università che non ha mancato di far notare le proprie rimostranze al consigliere Accoroni, chiedendo per il futuro di poter far presente le esigenze del personale dipendente al Consiglio degli Studenti" con "Per questo disguido, tale lettera è stata letta anche da personale dipendente dell'Università che ha chiesto un incontro con il Consiglio degli Studenti per poter far presente le esigenze del personale dipendente".

Il Verbale del 30 gennaio viene approvato senza modificazioni.

3) Commissione Diritto allo Studio: Regolamento Autocertificazioni

Viene letta e discussa la proposta di Norme relative all'accertamento delle autocertificazioni ed alle eventuali sanzioni.

Il Consiglio esprime parere favorevole.

4) Regolamento Difensore Studenti

Viene letta e discussa la bozza di Regolamento per l'attività del Difensore degli Studenti.

Il Consiglio esprime parere favorevole.

5) Regolamento Didattico di Ateneo

Il Presidente Pro Tempore ricorda che nella riunione del Senato Accademico del 25 marzo, saranno raccolti gli emendamenti alla bozza del regolamento. Pertanto invita i consiglieri a studiare ulteriormente la bozza per poter illustrare le proprie osservazioni in una prossima seduta del Consiglio, da tenersi prima del 25 marzo, e avente all'ordine del giorno la definizione degli emendamenti da presentare in Senato.

6) Comitato per le Pari Opportunità

Il Consiglio nomina la sig.ra Silvia Iommi quale componente del Comitato per le Pari Opportunità.

7) Elezioni Rappresentanze Studentesche

Il Consiglio si esprime, seppure con alcune riserve, a favore della informatizzazione.

In particolare si sottolinea la necessità:

· di poter votare scheda nulla;

· di non ammettere la delega del voto;

· di poter votare presso tutti i dipartimenti;

Per perseguire tali indicazioni, si potrebbe ipotizzare una modalità di votazione con le seguenti caratteristiche:

· che, accanto ai totem, vi sia uno studente che accerti le generalità del votante e ne prenda nota (è una possibilità che salvaguarderebbe, opportunamente articolata, la questione della delega)

· di rendere possibile il controllo di ciascun voto e del risultato complessivo delle votazioni, mediante:

la possibilità di stampare le schede di voto stampate al fine di consentire ad ogni studente di verificare la corrispondenza con quanto effettivamente espresso per mezzo del terminale,

lo spoglio delle schede di voto che ogni studente avrà avuto cura di collocare in una apposita urna sita in prossimità del totem.

8) Varie ed eventuali

a) Assegnazione dei fondi per la didattica

Il Presidente Pro Tempore comunica che il Senato Accademico sta elaborando i criteri per l'assegnazione dei fondi per la didattica a ciascun Dipartimento.

La ripartizione dei fondi potrebbe essere calcolata sulla base del numero degli studenti esaminati, da ciascun docente afferente ad un determinato dipartimento, durante tutte le sessioni di un anno accademico. Il Senato sta discutendo, inoltre, se computare nel novero degli esami, soltanto quelli sostenuti con esito positivo o considerare anche le prove che hanno avuto esito negativo. Agli esami di laurea verrebbe assegnato un punteggio superiore ai fini della ripartizione suddetta.

Il Consiglio discute sulla possibilità che la suddivisione dei fondi sia effettuata secondo due parametri, aventi ciascuno un peso differente:

· per il 70% dovrebbe essere fondata sui risultati dei Test di Valutazione della Didattica (vanno individuate le domande utili) che, a partire dall'anno accademico 1995/96, sono stati resi obbligatori per tutti i docenti e gli insegnamenti delle quattro facoltà di Ca' Foscari (quasi 25.000 sono state le interviste effettuate tra gli studenti frequentanti i corsi attivati nel 1995/96, secondo "Il Rapporto sulla Situazione dell'Ateneo alla fine del 1996"). Si ritiene tuttavia che il questionario distribuito agli studenti durante le lezioni (in particolare la parte IV, relativa alla funzionalità della didattica) necessiti di qualche modifica;

· per il 30% si ricorra al conteggio degli studenti esaminati, con esito positivo, da ciascun docente nelle sessioni di esame di un anno accademico.

Si rinvia alla prossima seduta per ulteriori approfondimenti ed eventuali proposte di modifica del questionario di Valutazione.

b) Corso di diploma Universitario per Traduttori ed Interpreti

Il Presidente Pro Tempore informa che si è verificato un "buco" imprevisto di 250 milioni nel bilancio dell'Università a causa del ritiro, dal finanziamento del diploma Universitario per Traduttori ed Interpreti, delle aziende che ne avevano consentito l'attivazione.

Il Consiglio si riserva di chiedere spiegazioni in merito, agli organi dell'Ateneo competenti.

Non essendoci altri punti da discutere, Il Presidente Pro Tempore, dopo aver fissato la data della prossima riunione a giovedì 20 marzo alle ore 10.30, dichiara chiusa la seduta alle ore 12.10.

Il Presidente Pro TemporeIl Segretario
Nicola Callegaro Luca Rigato